Sei in: Home > Figure Professionali Ambientali > Agricoltura biologica

Agricoltura biologica

La prospettiva assunta

L’analisi della filiera agro-alimentare é stata fatta ponendo al centro una concezione di azienda come agro-eco-sistema, cioé come unità le cui diverse funzioni, produttive e protettive, sono organizzate e svolte in modo sistemico.

Elemento unificante per le figure professionali individuate é la produzione e il controllo di qualità.

Non si configura, quindi, un processo di controllo della qualità distinto dal processo di produzione, bensì un processo che é di produzione della qualità, in cui la realizzazione delle diverse fasi del ciclo produttivo - da quelle a monte, come la programmazione, a quelle a valle, come la commercializzazione - avviene secondo modalità che garantiscono la conformità dei prodotti ai requisiti previsti.

L’analisi relativa alla certificazione del sistema qualità é stata svolta prendendo a riferimento l’attività di un Consorzio abilitato al controllo e alla certificazione dei prodotti biologici lungo tutta la filiera agro-alimentare.

Le figure professionali

Le figure professionali individuate ed, analiticamente, descritte in termini di profilo professionale, contesti occupazionali/organizzativi, compiti lavorativi e competenze professionali fanno riferimento ai processi di programmazione, produzione, gestione e commercializzazione:

  • Tecnico di base
  • Agricoltore ecocompatibile
  • Tecnico della qualità

Tali figure, pur intervenendo in momenti e con funzioni diverse sono accomunate dalle stesse competenze di base e dalla necessità di gestire relazioni con soggetti che condividono un impegno al conseguimento delle stesse finalità, cioé quelle di un’agricoltura volta a realizzareprodotti esenti da contaminanti e, al tempo stesso, a conservare e valorizzare le risorse naturali.

Per ognuna delle figure professionali individuate si é proceduto alla progettazione formativa,definendo sia l’impalcatura generale del percorso formativo, sia l’articolazione dei moduli formativi.

I dodici moduli formativi, costruiti in chiave sistemica, hanno utilizzato l’interdisciplinarietà come metodo di lavoro e assunto la complessità come approccio.

Per chi è interessato a saperne di più

I risultati di questo percorso di ricerca e progettazione formativa sono confluiti nella pubblicazione Isfol, Regione Marche, Regione Piemonte, Provincia autonoma di Bolzano, "Il sistema di qualità nei processi produttivi agroalimentari ecocompatibili. Itinerari formativi". Franco Angeli, 1997.

Approfondimenti